CARLO BARUFFALDI

Baruffaldi_Viadana.jpg

                  Carlo Baruffaldi, mantovano, pittore fantastico e fantasioso, ricorda gli avventurieri protagonisti delle canzoni di Aznavour: zingari pronti sempre a partire per altre ignote mete, carichi di ferite della vita, eppure sempre pronti ad innamorarsi di nuovo, continuamente propensi a raccontare le loro avventure impastate con i loro sogni, per cui ne esce una realtà vivida ma insieme sfuggente, intercalata di poesia, declinata su sottofondi musicali, trasformata in colori sulla tela. Baruffaldi, nato nel 1934 a Correggioverde, sulle rive del Po, a diciassette anni era pronto a spiccare il volo come artista naturalmente vocato alla pittura, ma il padre lo costrinse ad iscriversi all’Istituto agrario di Viadana. Dopo il diploma fu il servizio militare in Lazio che lo salvò da una routine alla quale non si sentiva portato: ribaltò la sua vita, alla fine studiando arte, divenendo uno dei rari allievi di De Chirico e contemporaneamente iniziando la sua vita randagia, iniziando a dipingere, per caso, le insegne e le strutture dei circhi e delle giostre in un continuo vagare nomadico che lo ha portato in tutto il mondo, per quasi tutta la vita. Mentre i cieli, i climi e gli uomini mutavano sopra ed intorno a lui, la sua ricerca artistica è rimasta costante, coerente e rigorosa nella sua chiave, che sintetizzando, si potrebbe definire “surreale”.

                  Questa fedeltà ad un mondo inventato e ricco di emozioni si potrà vedere nella mostra che si inaugura domenica 15 settembre 2019 alle ore 11.00 presso la Galleria Civica di Arte Contemporanea di Viadana, promossa dall’assessorato alla cultura della Città di Viadana e dalla Fondazione Archivio Antonio Ligabue Parma e organizzata da Augusto Agosta Tota, presidente della Fondazione. 

                  Presenteranno la mostra i curatori: Paolo Conti, curatore della Galleria Civica di Arte Contemporanea al MuVi, e gli storici dell’arte Marzio Dall’Acqua e Renzo Margonari, che con Vittorio Sgarbi hanno presentato l’antologica di Baruffaldi alla Casa del Mantegna di Mantova l’8 settembre 2017.

                  Un illustrato e completo catalogo con il testo dell’organizzatore e dei curatori ed una biografia dell’artista di Marco Scansani presenta le 43 opere in mostra, datate dal 1969 al 2016.

                  

 

 

Apertura al pubblico

15 settembre - 17 novembre 2019

venerdì, sabato e domenica h. 16,00 -19,00

INGRESSO LIBERO

 

 

Info

Galleria Civica di Arte Contemporanea

Tel. 0375 820901 - galleriacivica@muviviadana.org

 

Fondazione Archivio Antonio Ligabue Parma 

Tel. 0521 242703

www.fondazionearchivioligabue.it